Il lighting design italiano conquista Parigi

RhOME for denCity, team di studenti ricercatori e professori del Dipartimento di Architettura dell’Università di Roma Tre, guidato da Chiara Tonelli, ha vinto, l’edizione 2014 del Solar Decathlon Europe, l’Olimpiade mondiale dell’architettura green, che ha visto sfidarsi 20 università da 16 Paesi in tre continenti. a Versailles, nei pressi di Parigi.
Il Team si è aggiudicato il premio lighting design con il progetto sviluppato da Marco Frascarolo, lighting designer e docente di illuminotecnica di RomaTre in collaborazione con Federico Ognibene, responsabile di Ricerca e Sviluppo di That’smyled by ILM, sponsor tecnico del team (www.thatsmyled.it), e la product designer Arianna Dolce, per quanto riguarda la realizzazione di apparecchi ed accessori pensati espressamente per la casa Rhome.

Comfort e risparmio energetico
L’illuminazione di Rhome è stata pensata sia a livello di luce naturale sia artificiale, per ottimizzare le condizioni di comfort e di risparmio energetico in regime diurno e notturno.
L’elemento progettuale che accomuna luce naturale e artificiale è la volontà di avere un’illuminazione dinamica e stimolante attraverso l’opportuna distribuzione di superfici vetrate e sorgenti di illuminazione artificiale. Il modulo base, da cui si
generano tutti gli apparecchi – piantana, sospensione, sistema lineare modulare per installazione a soffitto – è un doppio profilo di alluminio accoppiato verniciato con i due colori dominanti della casa, il bianco e il rosso.

Per gli ambienti esterni, è stata sviluppata la seconda serie di “Greensunflower”, prosecuzione del progetto dell’edizione 2012 di Madrid, con fasci di luce e potenze adatti a diversi tipi di installazione (su gambo, staffa, sospensione) e autonomia di 5 ore.

Comments are closed.